“La VERITA’ che viene fuori” (dal Corriere della sera, 22/08/22)

*di Andrea Montanari

Ora che anche lo studio dell’ Istituto Mario Negri esce sulla prestigiosa The Lancet e poi sulla stampa nazionale, finalmente tante persone (compresi molti medici), purtroppo ancora ipnotizzate dalla paura indotta dal sistema della DISinformazione main stream, cominciano a capire come “Tachipirina e vigile attesa” , famigerato protocollo sanitario “di cura” del ministro Speranza, “imposto” ai medici di base e agli ospedali fino a pochi mesi fa, abbia ucciso decine di migliaia di cittadini italiani.
I medici indipendenti delle terapie domiciliari, tra i quali alcuni medici fondatori o soci di EUNOMIS, hanno invece curato con antinfiammatori fin dal maggio 2020 salvando la vita a decine di migliaia di pazienti .
Ma li deridevano e molti anche sono stati sospesi.
Noi li difendiamo invece fin da allora. Non per partito preso, si noti, ma semplicemente perché eravamo informati. Perché abbiamo avuto la libertà di coscienza e di convincimento di NON credere a una “VERITÀ DI STATO” sostenuta da un improvvida informazione dominante su organi di stampa e televisivi.
Ora si apre la strada ad altre azioni penali e civili per il possibile reato di omicidio colposo e di strage e per tutti gli altri ravvisabili per legge contro ministero “della salute “, presidenza del consiglio ministri e altri soggetti a vario titolo coinvolti a norma di responsabilità solidale.
Mantenere infatti in vita per 2 anni (2 anni !!) quel protocollo sanitario di cura inadeguato (ma quale cura poi viene da chiedersi ? la vigilante attesa é stata una barbara NEGAZIONE ai pazienti del DIRITTO ad essere curati !), é stato un atto gravissimo : che ha prodotto anche il nefasto effetto di aumentare i “numeri” della psicopandemia che, se i malati fossero stati curati invece che lasciati soccombere “in vigile attesa”, somministrando loro oltretutto un medicinale inadeguato, sarebbero stati ben diversi .
Ecco confermato uno dei motivi per cui l’Italia ha il più alto numero di morti al mondo.
L’altro motivo, come é noto , é la falsificazione dei codici della prima causa di morte (covid anche se avevano un infarto o un tumore o erano incorsi in un incidente stradale).
Ed ecco che allora una EPIdemia virale, come tante altre, diventa una PANdemia.
Consci della giustizia della battaglia che stiamo combattendo, andiamo avanti ancora nella ricerca della VERITÀ, affinché ciò che è accaduto non abbia MAI più a ripetersi.

* Avvocato e Presidente EUNOMIS
per i diritti e le libertà fondamentali


Articoli correlati

NEWS sul CONGRESSO EUNOMIS di BOLOGNA, di sabato 24 settembre 2022

di Andrea Montanari* Si è concluso da qualche giorno il nostro Congresso di...